Questo sito utilizza cookie a scopi funzionali e analitici. Possono essere presenti anche cookie di profilazione di terze parti.Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

Scopri cos'è il P2P lending attraverso le nostre FAQ

Il P2P lending (prestito tra privati) è un sistema che permette di disintermediare la gestione del credito, mettendo in contatto prestatori e richiedenti mediante l’utilizzo di piattaforme informatiche e senza l’intervento di istituzioni finanziarie, quali banche o società finanziarie. Attraverso il P2P lending possono essere finanziati sia privati che imprese.

Si parla di Marketplace Lending quando si include, tra i Prestatori, la figura del Prestatore Istituzionale. Le piattaforme di marketplace lending sono strutturate in maniera tale da avere una serie di originator (sono le piattaforme che erogano solo credito) collegati con fondi di investimento o privati che prestano denaro.

Il Prestatore può essere una persona fisica (di almeno 18 anni) o una persona giuridica, con residenza o sede in un Paese dell’Unione Europea, che non svolge professionalmente l’attività di concessione di finanziamenti.
Oppure può essere un “Prestatore Istituzionale”, ovvero un Prestatore sottoposto a vigilanza prudenziale e operante nel settore bancario, finanziario, mobiliare, assicurativo e previdenziale (a titolo esemplificativo banche, intermediari ex art.106 del Testo Unico Bancario, FIA di credito).

Perché attraverso il sistema del P2P Lending, gli interessi pagati da chi riceve denaro in prestito vengono incassati direttamente da chi presta. Inoltre i prestatori supportano interamente il rischio di credito.

Dipende. Non tutte le piattaforme sono sottoposte a vigilanza. In Italia tuttavia, ogni piattaforma di P2P lending deve essere autorizzata e iscritta in apposito albo degli istituti di pagamento dalla Banca d’Italia per poter svolgere l’attività.

Il P2P lending è un investimento a tutti gli effetti e come tale soggetto a rischi. Il più importante è il rischio di credito. Se il debitore non paga perdo il capitale. Le piattaforme adottano comunque sistemi per contenere tali perdite quali fondi di garanzia o selezione accurata nel concedere prestiti.

Ogni piattaforma prevede il pagamento di una commissione per il servizio di investimento. E’ bene conoscere prima di investire quali sono i costi che dovrai sostenere.

Si, gli interessi sono tassati. Attualmente la disciplina non si è espressa in materia e pertanto se investi nel P2P lending i proventi sono tassati ad aliquota marginale. Maggiori informazioni sono presenti nei siti delle piattaforme.

#InvestFT: la prima piattaforma di investimenti FinTech in Italia.

Scopri come funziona.

Entra nella dashboard studiata per offrirti in un'unica pagina tutte le informazioni di cui necessiti per effettuare il miglior investimento FinTech. Ogni piattaforma ha pregi ma anche rischi.

Per ogni piattaforma sono state selezionate le informazioni più importanti che ti guideranno nella tua scelta di investimento. Non perderai più tempo a dover cercare questi dettagli tra i vari siti. Ora è tutto qui a portata di mouse.

Ora che hai scelto su quale piattaforma investire clicca sul bottone investi, inizia la registrazione ed in pochi minuti potrai essere anche tu parte attiva del mondo FinTech.

Scopri subito tutte le opportunità